La Ditta, il Vetro e l’Arte degli Specchi Veneziani

I fratelli Barbini e gli specchi
da sx: Ferdinando, Nicolò, Pacifico, Guglielmo e Pio Barbini

L’Artigianato Artistico Veneziano, assieme alla SALIR, è la più antica ditta muranese ancora in attività, per quanto riguarda l’arte degli specchi veneziani. Le sue origini, infatti, risalgono a molto tempo prima la data di fondazione della stessa.

Nel 1927, Nicolò Barbini, dopo aver frequentato la Scuola di Disegno “Abate Zanetti”, mosso dall’antica fiamma artistica e forte della lunga tradizione familiare, nell’arte del vetro, fonda la sua prima ditta di vetri artistici incisi, presso la quale collaborerà il fratello Guglielmo, anch’egli incisore, nonché socio fondatore della S.a.l.i.r., distinguendosi sin da subito per l’eleganza e la raffinatezza degli specchi prodotti. Dopo soli due anni di attività, nel 1929, verrà premiato con la medaglia d’Oro di Primo Grado alla “Esposizione Mostra Campionaria” di Firenze e, assieme al fratello Guglielmo, arrederà con specchi veneziani, specchiere, tavoli, consolle e troumò in vetro e cristallo incisi numerosi Alberghi, Palazzi e Sale Espositive, tra cui, un intero Casinò in Costa d’Avorio.

In quegli stessi anni, la produzione dei Barbini comprendeva anche una serie di splendidi oggetti in vetro, come vasi, coppe, bicchieri, brocche, alzate e grandi piatti divinamente incisi con ruota in pietra arenaria e punta di diamante, dipinti a freddo, o decorati con la tecnica della sabbiatura.

Artigianato Artistico Veneziano specchi
Nicolò (al centro) con i figli (da dx: Giovanni e Vincenzo)

Nel 1940, assieme al cognato “Memi” (Guglielmo), fonda la ditta “Barbini e Longega specchi veneziani artistici incisi”, l’attuale “Domus vetri artistici”, che riscuoterà numerosi consensi, grazie, soprattutto, alla fantasia e all’abilità artigianale di Nicolò.

La tecnica d’incisione sopraffina, la qualità della molatura e l’accostamento dei colori e delle forme, saranno il marchio di fabbrica che caratterizzerà la futura produzione dell’Artigianato Artistico Veneziano, inaugurato dallo stesso Nicolò nel 1960.
Nel tempo, Nicolò, trasmetterà ai figli Vincenzo e Giovanni la sensibilità artistica e la sua grande esperienza professionale, i quali si specializzeranno sempre più nell’arte degli specchi veneziani.

Nel corso dei primi anni di vita il Laboratorio Artistico di Nicolò Barbini produrrà, oltre che specchi veneziani in cristallo incisi, anche lampadari appliques e fanali in ferro battuto, il tutto lavorato rigorosamente a mano; spesso e volentieri i lampadari venivano decorati con foglie e fiori in vetro colorato, dove il binomio “vetro / ferro” si rivelò quanto mai innovativo e piacevole sul piano artistico e visivo.

Nel 1985 Vincenzo e Giovanni diverranno i titolari della ditta, ampliata di ben nove unità al suo interno, i quali proseguiranno e svilupperanno ulteriormente l’attività di famiglia nel solco della tradizione. Parteciperanno a numerose fiere, tra le quali la Campionaria di Firenze, il Macef e il Salone del mobile di Milano, esponendo esemplari unici di specchi veneziani, in stile antico e moderno.

Oggi l’azienda, fondata da Nicolò Barbini, si avvale dell’opera di tre generazioni di esperti artigiani ai vertici di questa tecnica esclusiva, acquisita attraverso una grande passione per l’arte dello specchio, una profonda conoscenza storica ed una grande esperienza professionale.
Tutte le fasi della lavorazione (il progetto, la molatura, l’incisione, la legatura a piombo ed una speciale procedura di antichizzazione) sono eseguite esclusivamente nella sede di Murano e seguite personalmente dai fratelli Vincenzo e Giovanni e dai loro figli, Nicola e Andrea e Pietro, autentici maestri capaci di reinterpretare di continuo un inestimabile patrimonio di tecniche e segreti.

Specchi veneziani
da sx: Nicola, Andrea, Giovanni e Vincenzo

L’Artigianato Artistico Veneziano, nel corso della sua attività, ha realizzato importanti opere, sia in Italia che all’estero, arredando con specchi veneziani, consolle e troumò in vetro e cristallo incisi, numerosi Alberghi, Hotel, Palazzi e Residenze private, operando anche nel campo del restauro di specchi antichi.

Tra le numerose opere, recentemente realizzate dalla famiglia Barbini, si menzionano gli allestimenti eseguiti presso il lussuoso Hotel Palazzina Grassi, lo storico Hotel Gritti Palace e il leggendario Hotel Cipriani.

Inoltre, l’azienda vanta anche collaborazioni di prestigio, tra cui, l’artista francese Aristide Najean, che da alcuni anni si avvale della collaborazione dell’Artigianato Artistico Veneziano per la realizzazione delle sue celebri opere in vetro.

Ad oggi gli specchi veneziani della famiglia Barbini si trovano in tutto il mondo ed adornano le pareti degli alberghi e dei Palazzi più esclusivi.